Enrico Morando

Talento d'imprenditore e radici contadine

Classe 1922, nato a Castiglione Tinella da famiglia contadina, Enrico Morando dimostra fin dalla più giovane età una grande propensione e un talento non comune per il commercio. Questa capacità non si esplica solo nel settore vinicolo, ma anche in quello dell’alimentazione per animali, essendo lo stesso Enrico Morando fondatore del noto marchio di cibo in scatola per animali domestici, in un periodo storico (gli anni Cinquanta) in cui quest’impresa era assolutamente pionieristica, in Italia.

Agli inizi degli anni Ottanta Morando acquista l’Azienda Agricola Montalbera, sita in Castagnole Monferrato, la amplia acquistando i poderi circostanti e costruisce così, coadiuvato nel corso degli anni dai figli e dai nipoti, l’azienda che è attualmente il maggior produttore di vino Ruché, preziosa tipicità del Monferrato che ultimamente trova estimatori in tutto il mondo.

La seconda parte dell’intervista vede, accanto ad Enrico Morando, la testimonianza di Franco Morando, nipote di Enrico ed oggi direttore dell’Azienda vinicola. Interessante questo dialogo tra generazioni per avere un immediato confronto di stili, obiettivi imprenditoriali e “filosofia di produzione”, ma ancora più interessante è cogliere la continuità tra le generazioni, il tesoro costituito dall’esperienza di una lunga vita e di una più lunga tradizione che viene raccolto, come una ricca vendemmia, e valorizzato perché possa incontrare la sensibilità e le aspettative del mondo odierno.

 

Trailer:

Versione integrale:

Viticoltura, Industria, Enogastronomia, prodotti tipici, Mutamenti sociali ed economici nel Novecento, Vita contadina